giovedì 16 febbraio 2017

Luigino Bruni: I meriti scolastici causano disuguaglianze

Luigino Bruni

Sulla base dei meriti e dei voti scolastici abbiamo costruito tutto un sistema sociale ed economico gerarchico e castale, dove nei primi posti stavano coloro che rispondevano meglio a quei meriti, e negli ultimi quelli che a scuola ottenevano performance peggiori. E così medici, avvocati, professori universitari hanno avuto stipendi e condizioni sociali molto migliori degli operai e dei contadini; e oggi in questa nuova ondata di meritocrazia, i lavoratori che, giorno e notte, mantengono pulite  strade e fogne, ricevono salari centinaia di volte inferiori a quelli dei manager delle imprese  nelle quali lavorano
Quel merito scolastico, che sembrava così ovvio e pacifico, in realtà ha determinati privilegi e dignità molto diversi tra di loro che hanno retto e continuano a reggere l'impianto e le disuguaglianze delle nostre società. 
Se oggi volessimo spezzare la spirale di ineguaglianze e di esclusione dovremmo dar vita a politiche educative anti-meritocratiche, soprattutto nei paesi più poveri - come fummo capaci di fare in Europa nel secolo scorso con l'introduzione della scuola universale per tutti, obbligatoria e gratuita.

Luigino Bruni

da Luigino Bruni, I tristi imperi del merito, Avvenire 12 febbraio 2017


Nessun commento: