mercoledì 24 luglio 2013

Pier Giorgio Colonnetti, un amico

Pier Giorgio Colonnetti

Ci ha lasciati da pochi giorni l'amico Pier Giorgio Colonnetti. Riportiamo il ricordo di Raffaella Bellucci Sessa che ha vissuto con lui una profonda esperienza di dialogo.

Ho conosciuto Pier Giorgio circa 25 anni fa, quando fui chiamata dalla sorella maggiore Elena ad occuparmi della Fondazione, con sede a Torino, che i loro Genitori avevano voluto in ricordo del fratellino Alberto. Da subito con la famiglia Colonnetti si stabilì un rapporto cordiale, aperto, al di fuori delle convenzioni. Pier Giorgio non veniva spesso a Torino, ma nei brevi incontri si parlava di tutto. Sapevo che apparteneva al Movimento dei Focolari, ma avevo nei confronti di questo pregiudizi antichi, retaggio di esperienze di confine fatte negli anni Settanta nella cosiddetta “chiesa del dissenso”, che mi avevano definitivamente allontanata dalla fede. Durante uno dei nostri incontri trovò una breccia, e mi propose di conoscere una coppia del Movimento, i Cataldi, che stava organizzando a Torino un gruppo di dialogo fra persone di diverse convinzioni. Vi presi parte, caddero velocemente i pregiudizi, mi ci impegnai a fondo e con passione, ne faccio parte ancora oggi e posso affermare che è diventato il centro della mia vita.
Il rapporto con Pier Giorgio continuò sempre così, con al centro la Fondazione, i suoi problemi, le sue prospettive: non sempre eravamo d’accordo, lui concreto e razionale, io idealista e sempre forse troppo ottimista nel mio desiderio di portare avanti un’Istituzione che veicola valori, pur in difficoltà economiche ormai devastanti. Ma sempre i nostri sguardi si incrociavano diretti e sereni, quel dialogo a cui mi aveva portata non veniva mai a mancare, sempre trovavamo un punto di incontro. Fino all’ultima telefonata, un mese fa, in cui lo rassicurai che stavamo facendo tutto secondo le sue indicazioni, e che soprattutto all’interno del Consiglio di amministrazione avevamo ritrovato una serenità, un’armonia come mai era accaduto, come sicuramente a lui stava particolarmente a cuore.
Questo mi rimane di Pier Giorgio: l’apertura totale all’ascolto, al dialogo, pur nella sua adesione ad un’etica rigorosa ma mai rigida, mai al di fuori dell’altro da sé. Ero accolta come una sorella, ed un fratello sento di aver salutato. Non perso. Mi rimane la sua Famiglia, con ciascuno ho un legame forte; mi rimane tutto ciò che ho imparato da lui, tutto ciò a cui con discrezione mi ha avvicinata, a partire da Chiara; mi rimane lui, interiorizzato, presente, e sono certa che continuerà a guidarci nella giusta direzione.

Grazie Pier Giorgio.

Raffaella Bellucci Sessa

sabato 6 luglio 2013

“Rendere più intenso il rapporto con l’altro”

Yves Bonnefoy

E' appena stato pubblicato per la Mondadori l'ultimo libro del grande poeta francese Yves Bonnefoy: "L'ora presente". Riportiamo alcuni passi di u'n intervista concessa allo scrittore Fabio Scotto che ha tradotto il testo in italiano.

La poesia, al di là di ogni rappresentazione predefinita, tenta di ricreare la pienezza di un rapporto immediato con l’altro nella sua totalità…La vera poesia è il contrario della solitudine, proprio perché mira a rendere più intenso il rapporto con l’altro…La preoccupazione politica è fondamentale nella mia poesia, anche se non si manifesta  mai in maniera diretta. Personalmente , considero la poesia come il fondamento di una vera politica per il bene comune. Riaffermando la relazione e il riconoscimento dell’altro, la poesia è il fondamento stesso della democrazia. Deve però rimanere se stessa, altrimenti  rischia di cadere nell’eloquenza o nella propaganda…La poesia deve cercare le costanti eterne al di là delle contingenze, ma per riuscirvi non deve lasciarsi scoraggiare…Per questo dobbiamo sempre conservare e trasmettere il principio della speranza che è il cuore della vita. La poesia è la speranza nel linguaggio.

Yves Bonnefoy

da Fabio Scotto, Yves Bonnefoy, La Repubblica 5 luglio 2013

lunedì 1 luglio 2013

Quel torneo di ping pong



 

Ho conosciuto a Baiano  un signore schivo, di poche parole; nell'interessarmi al suo mondo mi comunica che gli piacerebbe partecipare a  qualche torneo di ping pong (sport che io non frequento). Nasce un bel dialogo e riteniamo possibile la cosa, magari fra una dozzina di amici. Poi maturano combinazioni favorevoli nel conoscere i Giovani del Forum della città (che disegnano anche il banner) quelli di Radio Baiano, Circolo Anziani e  i ragazzi delle Medie...Decidiamo di rischiare con iscrizione gratis. E gratis troviamo tavoli e racchette, palestra della Scuola Elementare, Prof di Educazione Fisica incoraggianti.  
Sempre vivacemente occupati - nel sabato pomeriggio - i 6 tavoli disponibili; torte e bevande per tutti, 2 gruppi musicali, accoglienza gradita. Una spontanea e brillante presenza di giovani, ma anche adulti. 
Sindaco, Assessori e Consiglieri sudatissimi a sfidare cittadini; bambini delle  Elementari in apposito spazio; carabinieri in schiacciate acrobatiche; settore per esordienti e il nucleo più competitivo a contendersi l'ambita vittoria (pur senza PREMIO e TROFEO).
Sono venuti dalle città vicine... PONGisti Federati, circa 180 persone. Salutandoci poi chiedevano: " Quando facciamo il prossimo Torneo?" E il fondatore di Radio Baiano mi ha confidato che aspettava da anni... qualcuno che sapesse incoraggiare così i suoi sogni.
    

                                                                                                      Giovanni Martinico



Posted by Picasa