venerdì 27 maggio 2016

Arturo Paoli: Gioia o felicità?


Arturo Paoli (1912-2015)
Qual è la caratteristica fondamentale della gioia? La sua prima caratteristica è di essere permanente, poiché affonda le sue radici nella parte più profonda della persona, per cui esisterà sempre, finché ci sarà l'uomo. Una seconda particolarità è d'essere, in qualche misura, sganciata da ciò che avviene intorno a noi. Altrimenti, come spiegarsi la gioia dei poveri, dei sofferenti, degli ammalati, delle persone deformate nel corpo, che non avrebbero motivo ...d'essere gioiose e che invece scoprono la gioia? La ragione è che essa ha radici profonde e indipendenti dalle circostanze che ci vengono incontro, ma direi anche dalle circostanze che sono aderenti al nostro corpo e alla nostra vita interiore, agli avvenimenti di cui siamo direttamente partecipi. 
Come trovare la gioia?
Per trovarla bisogna essere sempre disposti a lasciare che vengano distrutte la felicità e l'allegria, che sono nostre produzioni. Deve essere chiaro che noi abbiamo diritto alla gioia, in quanto esseri umani. Però, spesso, spinti dalla ricerca di soddisfare questo diritto, creiamo la felicità, che è un'immagine della gioia. Ed è un'immagine che il più delle volte dobbiamo distruggere, perché rappresenta uno spazio nel quale si manifestano la ferocia e la crudeltà dell'uomo, guidate dal suo disumano individualismo, generatore di sofferenza per tanti poveri e tanti affamati. La ricerca della felicità è la ragione fondamentale per cui diventiamo lupi verso altri esseri umani, che ci spinge a strappar loro anche gli elementi essenziali della vita.
Pensiamo che per essere felici abbiamo bisogno di tante cose: di molti soldi, di potere, di successo e d'altro ancora. Dobbiamo però essere consapevoli che qualcuno paga questa nostra felicità! Il mondo è senza gioia perché ci sono uomini troppo avidi di felicità.



ARTURO PAOLI

Nessun commento: