lunedì 20 gennaio 2014

"Anita B." di Roberto Faenza

Eline Powell e Robert Sheehan protagonisti del film "Anita B."
Tratto dal romanzo di Edith Bruck Quanta stella c’è nel cielo, è appena uscito nelle sale l’ultimo film di Roberto Faenza “Anita B.” che aprirà le celebrazioni per la Giornata della memoria  allo Yad Vashem di Gerusalemme. Il film racconta la storia di una ragazza nell’Europa sconvolta del 1945: la guerra è terminata  e Anita B, sopravvissuta alla Shoah, si  Robert Sheehan trova su un terno che la sta portando in Cecoslovacchia.
Non è un film sull’orrore dei campi di concentramento ma su quello che avvenne nei mesi successivi.
Dice il regista Roberto Faenza: “Penso che la memoria sia oggi un dovere che esercitiamo davvero poco soprattutto nelle scuole. Facciamo poco i conti con il nostro passato, come se non ci appartenesse. Mi ha colpito un’idea suggestiva colta in un libro letto di recente: il contrario del termine oblio è giustizia. E’ proprio così: ricordando, si rende giustizia alle persone che sono vissute, ai dimenticati, agli eventi.”




da Luca Pellegrini, Anita B. "Dopo la Shoah ricordare è vivere", Avvenire 15 gennaio 2014

Nessun commento: