domenica 10 giugno 2012

"L'effetto farfalla" per la pace

Dolors Dinares

La pace con se stessi è fondamentale per poter essere costruttori di pace. Non basta escludere la guerra, bisogna creare le condizioni necessarie per costruire la pace. Creiamo vincoli, stabiliamo relazioni, abbassiamo le tensioni, fermiamo lo stato di guerra fredda che si trova in tanti ambienti.

Certamente dove ci sono uomini ci sono conflitti. Non è tanto il conflitto che è evitabile, ma la soluzione violenta del conflitto. Lavorare per la pace ci chiede di fare il primo passo, senza aspettare la risposta, la reciprocità. Il perdono e la riconciliazione sono un valore.

Chi lavora per la pace sono quelli che l’amano tanto che non temono di intervenire nei conflitti, pur di prcurarla a quelli che trovano in discordia. Realizziamo quindi azioni per creare nella società uno stato di opinione pubblica favorevole ad una pace positiva (risolvere i conflitti in maniera civile) e istituire una cultura di pace.

Ricordiamo l’effetto farfalla che consiste nel fatto che il battito quasi impercettibile delle ali d’una farfalla che si produce in un punto della terra, può scatenare un uragano all’altro estremo. Perciò qualsiasi cosa facciamo, pur piccola, non sappiamo che effetto può avere.

Dolors Dinares

Da “In dialogo per la pace” Atti del Convegno Castelgandolfo 2004

Nessun commento: