lunedì 14 novembre 2011

Il cortile dei gentili a Tirana


Sulla tappa del Cortile dei Gentili a Tirana, ascoltiamo il Cardinale Gianfranco Ravasi al microfono di Radio Vaticana del giornalista Fabio Colagrande che così ha commentato l’evento: È singolare in questo caso che un dicastero vaticano si trovi a dialogare direttamente con intellettuali che appartengono a una tradizione culturale che rappresenta un ateismo militante, legato al pensiero comunista… Veramente un passo nella Storia.”

E’ una tappa importante: io parteciperò a tutte le giornate che sono state concepite da loro - devo dire - con un entusiasmo che mi ha sorpreso. Partiamo con questo evento che ha un significato particolare e che non è mai stato registrato negli eventi precedenti di Bologna, di Parigi, di Firenze, di Roma: siamo, infatti, in una regione che è stata l'unica al mondo che ha avuto per anni nella sua Costituzione l'ateismo come principio costitutivo dello Stato e quindi con la negazione di qualsiasi possibilità religiosa, cosa che non avveniva neanche in Unione Sovietica dove, pure con tutte le restrizioni, era possibile un'attività religiosa. In questa luce, si ha alle spalle una storia di ateismo pieno, di ateismo nella forma più brutale quasi, per certi aspetti; sappiamo anche che ha dato persino dei risultati di persecuzione, di omologazione di tutta la comunità albanese all'insegna di questa negazione.

E' interessante vedere, invece, l'entusiasmo straordinario che ora hanno avuto nei confronti di quei temi, che erano sepolti nelle catacombe. L'elemento forse più suggestivo - al di là dei miei interventi che dovrò fare negli ambienti universitari - sarò all'Università Statale di Tirana, sarò all'Università Europea di Tirana, che è una delle più importanti private, sarò all'Università Cattolica, da poco riconosciuta come cattolica - l'elemento più suggestivo, dicevo, e più significativo ci sarà oggi: infatti dal pomeriggio e fino a notte interverranno i giovani, ma anche le figure più importanti delle varie religioni e le figure intellettuali di rilievo - come Ismail Kadare, grande scrittore albanese - e si interrogheranno - prima in tende diverse e poi tutti insieme su un palco - attorno ai temi della dignità del lavoro e della realizzazione personale; dell'esperienza della spiritualità e della fede; e infine della identità e dignità della persona nel flusso della informazione. Tre temi letti da angolature diverse da credenti e non credenti, che però costituiscono i nodi fondamentali dell'esistere moderno.

Devo dire che il passo iniziale, forse ancor più emblematico, è stato proprio ad Assisi: abbiamo intenzionalmente voluto invitare un importante economista, che a livello europeo è una delle figure più significative, di matrice marxista, il professore austriaco Walter Baier, che ha certamente rappresentato questo tentativo di dialogo anche con un'ideologia che ha in sé dei valori - dobbiamo riconoscerlo - oltre al fatto di essere stata, purtroppo, la causa di tutte le ideologie cristallizzate nell'interno di una formula statuale e quindi con tutte le sue conseguenze. Questa persona mi ha portato, devo dire, ad una serie di riflessioni veramente suggestive su questo incontro. Quindi, io credo che sia possibile anche condurre il dialogo in quest'ambito, ma direi qualcosa di più: c'è in Albania ormai un desiderio proprio di superare questo passato, in maniera entusiastica…e conoscere che cosa significhi la spiritualità in una visione dell'uomo completa.


Gianfranco Ravasi

Da Radio Vaticana 14 novembre 2011

Nessun commento: