venerdì 4 novembre 2011

"Un albero per i nipoti - Festa dei Nonni" 2011

Abadia San Salvatore (Siena)

Mentre si stavano perfezionando i programmi della manifestazione di premiazione del concorso nazionale “Un albero per i nipoti – Festa dei Nonni” e la prima edizione del premio Letterario “Nonni&Nipoti” giungeva gradita, il riconoscimento da parte della Presidenza della Repubblica, una medaglia quale premio di rappresentanza per l’evento.

Il programma di premiazione si è svolto ad Abadia S.Salvatore (Siena) dal 30 settembre al 9 ottobre 2011 con una serie di manifestazioni e la presenza di personaggi noti al grande pubblico, come Andrea Camilleri, Sergio Staino, Margherita Hack e Roberto Saviano.

Molti i nonni premiati provenienti da varie parti d’Italia e di alcune scuole del Piemonte e dell’Abruzzo.

Significativa quest’anno la presenza di Andrea Camilleri premiato nella sezione “Memorie e/o esperienze di vita da tramandare” della I Edizione del Premio Letterario “Nonni&Nipoti”.

Promosso dall’associazione Culturale OSA di Abbadia S. Salvatore con la collaborazione della Fondazione Colonnetti di Torino e del periodico “Okay!” ed il patrocinio del Comune di Abbadia San Salvatore e dell’Amministrazione Provinciale di Siena, il premio è assegnato ad opere pubblicate negli ultimi cinque anni da autori (nonni e nipoti) che possono trasmettere “pillole di vita” per le nuove generazioni.

Andrea Camilleri

In particolare per Andrea Camilleri il riferimento letterario scelto è quello del libro Gran Circo Taddei e altre storie di Vigata (Sellerio 2011) ma simbolicamente il premio intende sottolineare il “lavoro” di recupero effettuato negli anni da Camilleri attraverso quelli che vengono definiti i romanzi storici e sociali e, negli ultimi anni, quelli che si rifanno a leggende, racconti di cantastorie, derivati da tradizione popolare (come ad esempio Maruzza Musumeci e Il sonaglio).

La capacità di Camilleri non sta solo nel ridare vita a fatti passati ma soprattutto nel riuscire a trasmettere nella narrazione la loro relazione con il presente, dove antichi vizi e antiche virtù si ripresentano magari nascoste sotto vesti diverse.

Nessun commento: