mercoledì 14 dicembre 2011

Un applauso a Pietro per questo Natale


L’amicizia con Pietro è cominciata due anni fa; l’ho conosciuto mentre chiedeva l’elemosina accovacciato sui pochi cenci che usava come giaciglio, la notte ,sotto il portico dove dormiva da oltre 4 anni.Non gli ho dato soldi e lui - rivedendomi la settimana successiva - continuava a tendermi la mano.
L’ho invitato a prendere insieme briosche e cappuccio. E poi invitato ancora una dozzina di giorni dopo, ho cercato di servirlo bene sul tavolino e questo ha sciolto il clima.

Non vede i figli da 7 anni; ha litigato con moglie, fratelli e familiari e cerca di dimenticare con bottiglioni di vino.
La volta successiva chiedo io a lui di…offrirmi il caffè; ha stralunato gli occhi e mi ha detto che non aveva soldi.
- OK, Pietro, quando puoi e vuoi sarai tu ad offrirmi il caffè, ti aspetto.
Giorni dopo: - Giovanni ti offro il caffè.
Ormai è vera amicizia; lo invito a casa mia per doccia, pranzo, un bel taglio di capelli…- Così non sembro più un barbone di 60 anni, - mi dice sorridendo.
Chiamo la figlia che vive a quasi mille chilometri e la volta successiva parlano fra loro… commossi.
Chiamo la sorella – che vive qui a Milano - e matura un incontro a casa di lei.
Alcune notti estive vado ad accovacciarmi con lui portando acqua fresca da freezer.
Ovviamente quando arrivano le varie “Croci di volontariato notturno” vedendomi seduto per terra hanno pietà di me…e mi allungano un panino, chiedendomi se non mangiavo da tanto tempo.
Mauro – mio amico e presidente del Centro “Solo per barboni recuperabili alla vita sociale” – viene a conoscerlo; trovano una buona intesa.
Accolto nel nuovo Centro è diventato lui stesso "promotore" di accoglienza verso altri; grazie a Lisa (Assistenti Sociale) ha potuto operarsi al cuore, ha smesso di bere; avuto la riconosciuta parziale disabilità; ha cominciato un nuovo piccolo lavoro (lui che era “caporeparto di 20 operai prima che la ditta fallisse”) e presto avrà un… monolocale dal Comune !
Ti prego…fai un applauso a Pietro per questo Natale!

Giovanni Martinico

Nessun commento: