sabato 5 novembre 2016

Ermanno Olmi: Penso che sull'economia ci abbiano mentito

Ermanno Olmi e sua moglie Loredana Detto



Oggi, mi pare che le sorti del mondo dipendano solo dal denaro. L’economia degli Stati e quelle familiari non ce la fanno più a tenere dietro ai nostri sperperi. Jacques Delors ha dichiarato: “Apriamo gli occhi. L’Europa e l’euro sono sull’orlo di un precipizio”.
Ma come, apriamo gli occhi? Fino a ieri ci dicevano che per diventare ricchi bisognava consumare. E noi ci abbiamo creduto: una vera e propria “dittatura della stupidità”. E allora giù, a spendere e spandere fino al piacere assurdo del superfluo. Tanto a pagare - col mutuo - c’è sempre tempo.
Ma adesso quel tempo è arrivato e non sappiamo più come fare a saldare il cumulo assurdo del nostro debito. Dove trovare tanto denaro?
Per non precipitare nel baratro del fallimento, ecco che per “salvarci” si parla di far ripartire di nuovo i consumi.
Ma come, non ci hanno forse appena detto che abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità? Che abbiamo straconsumato fino a indebitarci oltre ogni buonsenso?
E qui, o “qualcuno” ci ha mentito o non era all’altezza del compito. Per me ci hanno mentito.
Da adesso i conti devono essere fatti bene, dove i numeri sono numeri e i bilanci veritieri.
Poi, superata l’emergenza, potrà tornare ancora la voglia di ricominciare con una volontà di riscatto morale e con propositi e progetti in cui riconoscerci tutti.
Sogno, utopia? Perché no?
Perché a ottant’anni suonati credo ancora nella forza dei sogni…Ma dovrà essere un progetto davvero rivoluzionario, che rechi scandalo a furbi e opportunisti d’ogni sorta, concepito secondo giustizia, nel rispetto di principi e regole di una sana democrazia affidata a cittadini di salda onestà. Uomini e donne che abbiano una mente fervida ma anche un gran cuore. E’ la Storia che impone a tutti noi l’obbligo di una presenza attiva e attenta nel procedere uniti nel cammino verso il nostro futuro, secondo ruoli e gradi di competenza, ciascuno per quel che saprà fare nel proporre, progettare, mettere in atto, fin dagli atti più modesti, tutto quello che serve per il bene comune.
Ermanno Olmi


da Ermanno Olmi, La forza dei sogni contro la dittatura dei consumi, Corriere della Sera 25 marzo 2012

Nessun commento: