giovedì 15 maggio 2014

"Che l'uomo sia degno della vita" di Leonardo Sciascia


Leonardo Sciascia (1921-1989)
Nel suo ultimo romanzo Il cavaliere e la morte lo scrittore siciliano Leonardo Sciascia, in una Sicilia arsa dalla violenza, racconta la triste vicenda del Vice, un poliziotto assetato di giustizia e verità su alcuni efferati delitti rimasti impuniti. 
Purtroppo il Vice viene misteriosamente eliminato, non prima di aver previsto, con sconforto, un peggioramento del sentire e del vivere delle future generazioni. 
Solo qualche istante prima di essere ucciso, avverte il desiderio guardare oltre la realtà, accostandosi “al cancello della preghiera”, ma senza riuscire a varcarlo, apparendogli quel territorio misterioso “come un giardino desolato e deserto”.
L’amico scrittore Giorgio Calcagno, intervistando Sciascia su questo romanzo, gli pose l’impertinente domanda: “Dunque né fede, né speranza?” E Sciascia confidenzialmente così gli rispose: “Ci sono due versi altissimi di Dante, nell’ultimo canto della Commedia: Chi vuol grazia e a te non ricorre,/ sua desianza vuol volar senz’ali. Ecco la preghiera è questo: un desiderio che trova ala. E non importa se non troviamo più a chi rivolgerla. C’è nel personaggio del mio racconto Il cavaliere e la morte questa desianza: che l’uomo sia degno della vita. E mi piace anche ricordare questa preghiera di Tobino: O Dio, chiunque tu sia,/ o non esista,/ o trascorra come concetto/ le nostre menti,/ benedici anche me.”




1 commento:

Anonimo ha detto...

I really like your blog.. very nice colors & theme. Did you design this
website yourself or did you hire someone to do it for
you? Plz respond as I'm looking to construct my own blog and would like to find out where u got this from. thank you
Here is my site arkia airlines