"...E miglia da percorrere" di Robert Frost

Robert Frost (1874-1963)



…E MIGLIA DA PERCORRERE

Il mio cavallo trova forse strano
che io sosti ove non c’è casa all’intorno,
tra i boschi e il lago coperti di ghiaccio
nella sera più buia dell’anno.
Fa tinnire i sonagli delle briglie,
quasi a chiedermi se sto sbagliando.
Non c’è altro suono, fuori del fruscio
del vento lieve e dei fiocchi che cadono.
Profondi e scuri sono i boschi e belli,
ma ho promesse da mantenere
e miglia da percorrere, prima di dormire,
e miglia da percorrere, prima di dormire.

Robert Frost


traduzione in francese

Mon cheval trouve peut-être étrange

que je m'arrête là où il n'y a aucune maison alentour,

parmi les bois et le lac couverts de glace 

dans le soir le plus sombre de l'année.

Il fait sonner les clochettes des brides,

comme pour me demander si je ne me trompe pas.

Il n'y a pas d'autre bruit que le frémissement

du vent léger et des flocons qui tombent.

Profonds et obscurs sont les bois et beaux,

mais j'ai des promesses à tenir

et des milles à parcourir, avant de dormir,

et des milles à parcourir avant de dormir.

 

Robert Frost







Commenti

cristiana marzocchi ha detto…
"E miglia da percorrere prima di dormire"
Ne ho fatto una sorta di preghiera
Cristiana
Unknown ha detto…
stupenda
Unknown ha detto…
Prima del sonno eterno abbiamo dei compiti da portare a termine. Mi è di sprone a non rimandare mai le cose importanti e a non dimenticarle.
Antonio ha detto…
Bellissima ricca di pathos... molti ne hanno fatto propria l'ultima quartina, (anch'io),parafrasandola in questo modo "Ho molta strada da percorrere e molte promesse da mantenere prima di dormire ".
Antonio ha detto…
Bellissima ricca di pathos... molti ne hanno fatto propria l'ultima quartina, (anch'io),parafrasandola in questo modo "Ho molta strada da percorrere e molte promesse da mantenere prima di dormire ".
elisabetta ciabatti ha detto…
Che dono scrivere poesie, chi lo ha fa un dono all’umanitá
Unknown ha detto…
E veramente toccante quest
Unknown ha detto…
E da qui non potrò togliere i miei passi stanchi
Ne' credere e attendere solo quel buio
Fresco e amichevole
Ci 6 tu amore mio
E i tuoi occhi blu di quiete e i denti che
Ancora digrigniscono di rabbia
Altrui
Per quanto sono stanca
Di processioni di mezze umanità e delle
Loro poco scaltre bugie
Stanca di non sapere ancora
E davvero , ho però e per tanto tempo molto da percorrere
Per starti accanto, per stringerti ancora
Per dare a te quel che ho perso
Figlio. Ti voglio così tanto bene..

Post popolari in questo blog

David Maria Turoldo e la donna

Francesco D'Assisi: Chi lavora con le mani, la testa e il cuore